Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Siero del latte


Agroindustria: Trattamento e valorizzazione del

SIERO DEL LATTE

da rifiuto a risorsa

 

I prodotti ricavati dal siero di latte hanno subito negli ultimi anni un forte incremento di valore commerciale e le previsioni indicano un ulteriore apprezzamento nei prossimi anni.

Il frazionamento del siero è un’opportunità per aumentare i margini di questo business, le tecnologie di membrana sono uno strumento prezioso in tale direzione.

Il processo illustrato in figura, inventato e messo a punto da Genelab in collaborazione con il CR ENEA (prof Massimo Pizzichini) e permette di frazionare il siero e recuperando, proteine, lattosio, acqua purificata e sali minerali. Ogni frazione può essere ulteriormente valorizzata attraverso una fase post-estrattiva (idrolisi enzimatica, essiccamento, aromatizzazione) pervenendo così a prodotti ad alto valore aggiunto. Fra questi WPC 80, WPI, idrolizzati proteici e la classe di derivati idrolizzati del lattosio.

Le ricerche ENEA-Genelab contengono alcuni elementi di innovazione rispetto alla produzione media mondiale di sieroderivati.

Genelab è in grado di produrre polveri a elevato contenuto proteico; peptidi bioattivi per idrolisi di queste proteine, ed è in corso una ricerca per separare fra loro queste famiglie proteiche, in modo da formularle con specifici target biomedici.

Genelab ha inoltre sviluppato un’ipotesi tecnica per produrre bevande nutraceutiche a base di siero di latte.